giovedì 27 maggio 2010

"Torino 2011 un cantiere aperto per un governo ecologista della città"

L’incontro proposto dall’associazione ToW, in collaborazione con il GCT, ha lo scopo di mettere a confronto più soggetti istituzionali e del mondo associativo sul futuro governo di Torino.Si intende partire dall’auspicio di un profondo rinnovamento del quadro politico cittadino, anche in proiezione nazionale. L’associazione TOW nata per proporre soluzioni politiche condivise ed eco-sostenibili, dopo aver ascoltato i cittadini ed individuati i problemi ed i bisogni della città, intende proporre, a partire dalle celebrazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia un progetto-laboratorio di città Eco-Sostenibile e Biocentrica. L’apparato politico, in genere, si ricorda dei problemi della gente solo nell’immediata vicinanza della scadenza elettorale, ricercando soluzioni di parte quasi che la ragione possa essere di destra o di sinistra. Perchè vi sia una qualità della vita occorre che vi sia un lavoro stabile, una società sicura, che offra garanzie e tutele a tutti ed in particolare alle persone in difficoltà o più deboli. Occorre che Torino prosegua nel suo impegno a favorire l’ospitalità di centri di ricerca, eccellenze sanitarie, culturali ed artistiche,con attenzione però anche alle nuove generazioni ed alle proposte meno consolidate e riconosciute. Tra le proposte in cantiere, ancora: i “Vigili di colore”, più vicini e sensibili alle esigenze quotidiane di una città sempre più multietnica, i “piccoli ospedali o astanterie di distretto”, da istituire per ricoveri brevi, emergenze, per stabilizzare i pazienti anziani, il Difensore Civico degli Animali, la trasformazione in Fondazioni per le ex municipalizzate, tutela e fruizione sicura degli spazi verdi pubblici anche intesi come un mezzo di educazione e formazione, potenziamento della rete di mezzi pubblici, in particolare della metro, meno impattanti e con un prolungamento della durata del ticket. E molto altro ancora, anche sotto il profilo delle informazioni utili per migliorare la qualità della vita grazie a politiche di prevenzione primaria da portarsi come materia di insegnamento nelle scuole unitamente allo studio della nostra Costituzione .

Nessun commento:

Posta un commento