martedì 7 settembre 2010

Ecologisti del Piemonte Manifesto di sottoscrizione per l’ adesione individuale (2° stesura per la discussione)


1 Gli Ecologisti del Piemonte

-sono un nuovo movimento politico che si pone l’obiettivo di contribuire, a partire dal Piemonte ed all’interno di un processo nazionale, ad una trasformazione economica, sociale, culturale, istituzionale dell’Italia verso una società moderna e rinnovata che abbia alla sua base la tutela del proprio territorio e di chi ci vive ( le persone, gli animali, tutte le specie viventi), un nuovo modello sociale, produttivo, culturale, che garantisca giustizia sociale, combatta la precarietà del lavoro e assicuri dignità di vita a tutti i cittadini, promuova uguali opportunità per uomini e donne, difenda i valori della democrazia e della Costituzione, tuteli i diritti fondamentali di tutti coloro che, di qualunque razza, età, ceto sociale, sesso e religione, vivono sul territorio regionale, indichi i doveri fondamentali della convivenza sociale basati sulla tolleranza, la convivenza, il pluralismo etnico e religioso, insieme alla difesa della identità culturale di ognuno. Un modello di società che promuova:

-l’uso delle fonti energetiche rinnovabili invece di petrolio e nucleare,

- la riduzione ed il recupero dei nostri rifiuti invece degli inceneritori,

- il rispetto ed il recupero del costruito esistente invece del continuo consumo di territorio con nuova cementificazione,

- la tutela ed un uso efficace dei nostri Beni comuni fondamentali,

- sistemi di mobilità locale e generale, individuali e collettivi, volti all’efficienza e al risparmio di costi e di tempo con il minore impatto territoriale e ambientale possibile invece di grandi opere costose e poco utili,

- il consumo di prodotti, alimenti, manufatti di produzione, coltivazione, trasformazione in ambito il più vicino possibile al loro luogo di consumo ed utilizzo,…

2 Gli Ecologisti del Piemonte
- auspicano una Europa unita, libera e democratica, ed un Pianeta libero da guerre, violenza, ingiustizia, povertà in cui la tutela del Pianeta e delle specie viventi che lo popolano siano alla base delle istituzioni nazionali ed internazionali che lo governano
- fanno riferimento ai movimenti, partiti e gruppi ecologisti presenti in più di 100 paesi del mondo, in Europa al movimento ecologista e verde, alla sua rappresentanza nel Parlamento europeo e alle forze cooordinate nel Partito Verde europeo con un particolare riferimento alle esperienze francesi di Europe Ecologie e dei Grunen tedeschi.

3 Gli Ecologisti del Piemonte
- operano per favorire il superamento del modello economico, sempre più frequentemente segnato da crisi economiche,finanziare,produttive, basato sulla crescita senza limiti e sulla misura del PIL come indicatori dello sviluppo, promosso da imprese e multinazionali volte al solo obiettivo del profitto trascurando le persone e l’ambiente; mettendo invece in rilievo nuovi parametri che misurino l’integrità dell’ambiente e del territorio, il benessere comune e diffuso, la dignità umana di tutti, la democrazia e il lavoro , come diritti fondamentali per tutti i cittadini.

4 Gli Ecologisti del Piemonte
-operano per aggregare, organizzare e unire in un unico movimento politico degli ecologisti tutti coloro che agiscono in gruppi, comitati, associazioni, ed anche a coloro che al momento fanno parte di partiti diversi, (di sinistra, moderati,verdi, liste civiche, gruppi 5 stelle, altre piccole formazioni ecologiste ), coloro che si astengono dall’impegno politico, sociale o elettorale, e che possano riconoscere e trovare nuove ragioni di impegno in una nuova possibilità di cambiamento della politica e del paese.
L’obiettivo dei promotori e aderenti è quello di superare la frammentazione diffusa nel mondo ecologista, costruire una organizzazione diffusa e reticolare, moderna e radicale, federalista e aperta a tutti quelli che intendono aderire promuovendo una partecipazione diffusa, costruendo ponti e comunicazione nel territorio
-si candidano per promuovere , superando anche le esperienze partitiche transitorie, assumendo rilevanza e potenzialità maggioritaria, per definire un progetto di transizione ad una diversa Italia, possibile e necessaria.
Nello stesso tempo gli ecologisti assumono accanto alla propria vocazione genetica ambientalista e verde, l’impegno in forme nuove e originali per garantire la giustizia sociale e per un processo riformatore in particolare nel Mercato del lavoro superando la attuale precarietà, nell’ Informazione superando l’infliuenza dei partiti e di poteri forti a favore di una maggiore professionalità, nella Giustizia per renderla più efficiente, più efficace e più giusta, nella Politica per ridimensionare i costi e combattere corruzione, logiche di casta ,contiguità con le aree mafiose.

5 Gli Ecologisti del Piemonte
- sono un movimento politico su base regionale, federalista, autonoma, che auspica la confederazione con analoghi movimenti nelle altre regioni al fine di promuovere anche una rappresentanza nazionale adeguata e autorevole di tutti gli Ecologisti italiani.
L’adesione individuale o in rappresentanza di enti produttivi o culturali eco-orientati avviene attraverso la sottoscrizione di questo manifesto, l’impegno ad un contributo annuale di Adesione attiva (Aderenti) o di Sostegno nel caso di appartenenza ad altre forze politiche o di appoggio passivo (Sostenitori).

6 Gli Ecologisti del Piemonte
- si organizzano in Circoli, su base comunale, su base circoscrizionale nel capoluogo di regione, comunicanti al loro interno e fra loro primariamente attraverso il Portale degli Ecologisti; possono darsi forme di coordinamento su base intercomunale o provinciale e con gruppi collettivi tematici.

7 Le forme di organizzazione e di rappresentanza, i processi decisionali, le procedure attinenti a impegni elettorali o di delega, la definizione dei meccanismi decisionali sono definiti dal Regolamento Federale allegato come parte integrante a questo Manifesto di adesione.

1 commento:

  1. Manca il capitolo fondamentale della tutela della salute, sia legata alle evidenze sceintifiche che legano l'inquinamento alla perdita di salute, sia per sottolineare il ruolo inscindibile delle ricerca in tutti i settori. Un'attenzione poi al mondo dell'alimentazione naturale, delle medicine non convenzionali e dell'urbanistica e bioarchitettura è decisivo.

    RispondiElimina