lunedì 23 agosto 2010

Elezioni in Australia: testa a testa con possibile salvezza verde per i laburisti di Andrea Mollica (Giornalettismo.com)


Le elezioni anticipate australiane appaiono molto equilibrate. La sfida tra l’attuale Julia Gillard Elezioni in Australia: testa a testa con possibile salvezza verde per i laburistiprimo ministro, Julia Gillard, ed il leader dell’opposizione Tony Abbott sarà decisa da un minimo scarto. Un esito aspettato, dopo la drammatica defenestrazione di Kevin Rudd, il primo ministro laburista che aveva vinto nel 2007 ponendo fine al lungo regno conservatore di John Howard.
SITUAZIONE DI STALLO - Il Labor ha giocato tutte le sue carte sulla prima donna che ricopre il ruolo di primo ministro nella storia australiana. L’improvviso calo di popolarità di Rudd ha spinto il partito ad un putsch che all’inizio sembrava aver pagato, ma le contraddizioni del cambio di leader in corso sono comunque emerse durante la campagna elettorale. Le elezioni, che si sarebbero dovute svolgere entro marzo 2011, sono state anticipate dalla Gillard per sfruttare la sua popolarità, sicuramente superiore rispetto al leader conservatore Abbott. La campagna elettorale si è però concentrata sulle difficoltà del governo laburista, e attualmente la Coalition, l’alleanza tra il partito liberale e quello nazionale, ha superato gli avversari nei sondaggi, ma il piccolo vantaggio potrebbe non bastare.
CAMERA IN BILICO – Nel sistema australiano, ispirato al modello Westminster, il primo ministro è eletto dalla Camera, dato che il Senato compartecipa alla legislazione ma non ha poteri sul bilancio. In questo momento il Labour controlla 83 seggi, 7 in più rispetto alla soglia minima per avere una maggioranza alla House. L’Australia adotta l’Alternative Vote, il sistema elettorale richiesto dai Liberaldemocratici britannici per entrare al governo con Cameron. Ci sono 150 collegi uninominali, e l’elettore può votare ogni candidato indicando con un numero la propria preferenza. Il primo che supera il 50%, col primo o il secondo o terzo voto, viene eletto deputato.
SALVEZZA VERDE – In questo momento il primo voto per la Camera vede il vantaggio della Coalition conservatrice. I laburisti della Gillard recuperano fortemente nel secondo voto, tanto da strappare un minimo vantaggio nella maggior parte dei sondaggi, grazie all’appoggio dell’elettorato ecologista. In questo momento i Verdi sono il partito che avrebbe il maggior incremento rispetto al 2007, tanto da riuscire a vincere un seggio alla Camera in un’elezione generale, cosa mai successa prima d’ora. I temi ambientali, costati la poltrona a Rudd, potrebbero far perdere voti ai laburisti ma salvare il loro governo grazie al sistema elettorale del Voto Alternativo. Secondo il blog “The Poll Bludger”, ospitato dall’influente sito “Crickey”, il Labor australiano, favorito anche dal recente ridisegno dei collegi, dovrebbe conquistare 79 seggi, una maggioranza minima ma comunque sufficiente per governare, mentre al Senato sarà probabilmente necessaria un’alleanza coi Verdi.
Fonte http://www.giornalettismo.com di Andrea Mollica

Nessun commento:

Posta un commento