martedì 28 dicembre 2010

“Presentate osservazioni allo Studio di impatto ambientale”


“I lavori previsti nel Parco Nazionale del Gran Paradiso sono incompatibili con le esigenze di tutela delle specie e degli habitat e cancelleranno un turismo che negli anni è diventato un modello apprezzato di sostenibilità verso l’ambiente”.
La LIPU-BirdLife Italia esprime forte preoccupazione sul progetto che prevede il potenziamento della centrale idroelettrica di Chavonne, in Val d’Aosta, e che è ora sottoposto a procedura VIA (Valutazione di impatto ambientale).Il progetto prevede un forte aumento di potenza della centrale idroelettrica, che però significherà una perdita netta di ecosistemi e di biodiversità: la gola di Cretaz, sotto Cogne, sarà sbarrata da una diga alta 15 metri, mentre le aree interessate dai lavori a Valsavaranche e Plan Pessey (Val di Cogne) vedranno presto i propri pascoli andare persi per far posto a depositi di materiali.Gran parte delle zone interessate dai lavori ricadono all’interno dei confini del Parco Nazionale del Gran Paradiso e all’interno o in prossimità di siti della rete Natura 2000, SIC (Siti importanza comunitaria) e ZPS (Zone protezione speciale).Il Parco Nazionale del Gran Paradiso è un’area protetta di grande importanza: ha ricevuto nel 2006 il Diploma Europeo delle aree protette dal Consiglio d’Europa in virtù delle notevoli qualità scientifiche, culturali, di biodiversità e di gestione sostenibile – sottolinea la LIPU – I lavori in programma mettono invece a rischio la conservazione della biodiversità e compromettono il turismo della Valle di Cogne e della Valsavaranche, fiori all’occhiello del parco.“Abbiamo presentato alcune osservazioni al Studio di Impatto Ambientale – spiega Giorgia Gaibani, responsabile IBA e Rete Natura 2000 LIPU – Chiediamo si rinunci a questi progetti faraonici che finiranno presto per presentare un conto salatissimo alla natura e alla collettività”.


Parma, 27 dicembre 2010

Ufficio stampa LIPU - BirdLife Italia: Via Trento 49, 43100 Parma

Nessun commento:

Posta un commento